Riunioni asilo : i soliti noti

riunioni-asilo-nido

Si chiamano riunioni all’asilo ma potrebbero essere semplicemente definite: la banda dei soliti noti. Ieri sera come del resto durante l’anno c’è stata una riunione di aggiornamento sulle attività e sui progressi-regressi dei bambini che frequentano il nido. Come al solito eravamo quattro gatti, le due maestre, la ragazza del servizio civile, la moka del caffè sui tavolini dove mangiano i bimbi e molti discorsi da prendere in esame e le solite voci che ne parlavano.

Il bello è che a questo genere di riunioni la partecipazione non sarebbe soltanto gradita ma fondamentale per capire che il nido non è solo un parcheggio ma una palestra di crescita per i nostri figli, dove tra un gioco e un esperimento, tra un litigio e un pianto si formano i futuri uomini e donne di domani.

La cosa che mi mette sempre un po’ di tristezza quando vado a queste riunioni so già chi ci sarà e chi proprio invece non ha neanche preso in considerazione l’idea di venire, vuoi per la troppa stanchezza, vuoi per altri impegni, vuoi anche, voglio essere cattivo, per menefreghismo.

La riunione di ieri era per stabilire le date dei laboratori per la preparazione della festa di fine anno, discutere sull’andamento della “classe” e fare il punto su alcuni lavoretti che ci sarebbero da fare per manutenere l’asilo dato che naturalmente il comune non ha soldi e certi lavoretti quindi , ben volentieri, vanno appaltati ai genitori volenterosi.

In poco più di due ore ci siamo trovati abbiamo deciso le date per preparare la festa e ci siamo messi d’accordo per dare una restaurata alle panchine e ai giochi di legno che si trovano in giardino e a cui non viene passata una mano di vernice ormai da diversi anni.

Quello che mi stupisce sempre è constatare che ci si aspetta sempre molto dagli altri ma non si è mai i primi a proporre di impiegare il proprio tempo libero per rendere migliore il posto dove i nostri bambini trascorrono circa la metà delle loro giornate.

Alla fine della fiera a far parte del gruppo di restauro siamo i soliti quattro babbi che stabilita una serie di pomeriggi ci troveremo a dare una bella scartata e riverniciata ai giochi esterni, per la festa di fine anno abbiamo stabilito delle date che potessero andare bene per tutti, presumibilmente dato che a decidere eravamo pochissimi.

Di fare la morale a qualcuno proprio non mi interessa ma non capisco come si possa sorvolare su certi impegni che io trovo sempre di vitale importanza.

Mi piace sempre molto quando poi a giochi fatti nell’incontrarsi davanti a scuola nascono discussioni sul potremmo fare, potremmo dire, educazione vuole che non si risponda male alle persone ma qualche volta la voglia di mandare qualcuno a quel paese ci sarebbe tutta.

Tags from the story
, , , ,
More from Giulio

Sonnellino tuo, vita mia.

Te lo dicono tutti che quando hai due figli piccoli il lavoro...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...

No Trackbacks.