Cinque pasti al giorno

babbo-cuoco

Non è semplice. Non è davvero una cosa facile mettere insieme colazione, merendina del mattino, pranzo, merenda del pomeriggio e cena. Non parlo di non sapere cosa mettere in tavola per problemi economici, per fortuna, di questi tempi capita anche questo in molte famiglie, ma di come organizzare una routine alimentare sana e variegata per tutta la famiglia, rispettosa delle esigenze di tutti e che sappia essere stimolante per l’appetito di ogni membro della nostra famiglia. Sopratutto dei più piccini.

La bambina per adesso non ha problemi dato che oltre il latte di mamma con qualche difficoltà sta prendendo il latte in polvere che a ritmo di 6-7 poppate al giorno costituisce la sua routine perfetta da neonata.

L’organizzazione dei pasti per tutti gli altri componenti della famiglia invece è un po’ più complicata e richiede maggiore impegno sopratutto per cercare di bilanciare il più possibile i vari elementi della dieta.

Per questo motivo mi sono lasciato ispirare nella preparazione dei nostri pasti dalle linee guida del menù che ogni stagione ci propone l’asilo nido del piccino.

I menù dell’asilo infatti sono studiati da nutrizionisti e cercano sempre di bilanciare l’apporto calorico dei vari pasti variando il più possibile gli elementi che lo compongono, variando il più possibile le combinazioni, rispettando la stagionalità degli ingredienti.

Fare da mangiare a volte è un vero e proprio lavoro, perchè vuoi per un impegno, vuoi perchè non sempre si riesce a quadrare il cerchio, il tempo a disposizione per la preparazione dei pasti non sempre è sufficiente.

Bisogna organizzarsi come dei ninja per essere efficienti, sfruttare ogni buco di tempo per mettere insieme il pranzo con la cena e soprattuto non cedere alla stanchezza nei momenti in cui una bella seduta sul divano ci starebbe proprio bene.

Il pranzo io di solito infatti lo preparo al mattino, dopo aver accompagnato il campione a scuola, la cena invece la metto insieme sfruttando il momento del riposino pomeridiano del bambino che quando torna dall’asilo ha sempre bisogno di riposarsi davvero.

Non te lo dice nessuno che quando diventi genitore dovrai cambiare nettamente il tuo stile di vita e se te lo dicono non lo capisci veramente appieno fino a che non ti ci ritrovi in mezzo.

Molte volte quando sto facendo il pranzo o la cena mi viene in mente mia mamma che nonostante tante ore passate fuori casa a lavorare era sempre in grado di farci trovare pranzo e cena fatti, pranzo che quando tornavamo da scuola ed eravamo ancora piccoli per farci era già pronto, cena che si era avvantaggiata a fare nel pomeriggio tra una faccenda di casa, una spesa, un riguardare di compiti e chissà cos’altro.

Dubito di averla mai ringraziata davvero per tutto quello che ha sempre fatto per noi come famiglia, anche se lei ignora l’esistenza di questo spazio, un bel – grazie mamma – non glielo leva nessuno.

More from Giulio

Come sopravvivere a un infarto.

Sono ormai passati molti mesi da quando ho scritto l’ultima volta sul...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...

No Trackbacks.