Come svuotare il cestino su Ubuntu

svuotare-cestino

Partiamo da un concetto base: Ubuntu è bellissimo ma a volte può essere veramente una rottura di maroni. Pur avendo scelto ormai da anni di passare al software libero per far “camminare” i miei computer mi rendo conto che a volte certe cose, anche le più semplici, possono essere davvero delle infinite rotture se, per esempio, voglio svuotare il cestino e banalmente mi accorgo che nonostante ripeta la procedura all’infinito quei due stronzissimi file proprio non vogliono scomparire.

Il problema è semplicemente aggirabile usando un comando da terminale, cosa che di sicuro non ti viene in mente quando sei un piccolo niubbo di Ubuntu, ma che non ti viene in mente a volte neanche dopo anni di utilizzo perchè da procedure semplici come quella di svuotare il cestino ci si aspetta solo una cosa: svuotare il cestino.

Veniamo a noi: svuotiamo il cestino con l’uso di un comando da terminale.

Lo sai vero che cos’è il terminale su Ubuntu o in generale su un computer Linux? Se non lo sai fatti un giro qui e poi ritorna.

Una volta che abbiamo aperto il terminale cominciamo a scrivere questo:

sudo

Che significa sudo?

sudo è l’abbreviazione dall’inglese di “super user do” ovvero in italiano “esegui come super utente”, in parole povere avendo iniziato a scrivere nel terminale con la parola sudo vuol dire che agiremo sul computer come un dio, potremmo fare un po’ quello che ci pare perchè avremo i permessi per farlo. Perchè se utilizzerai Ubunto o altre derivazioni di Linux ti accorgerai che i permessi sono tutto.

Veniamo a noi, svuotiamo questo benedetto cestino.

Per svuotare il cestino agiremo quindi da superuser, da amministratore diremmo in windossese, continuiamo quindi a scrivere sul terminale:

sudo rm -rf  ~/.local/share/Trash/files/*

Una volta scritto questo comando pigiamo il nostro INVIO e ci verrà chiesta la password che abbiamo scelto all’inizio della nostra istallazione di Ubuntu, la stessa che usiamo di solito per accedere al nostro computer quando l’accendiamo.

Una volta digitato la password il comando svuoterà il cestino e dover confermare lo troveremo bello pulito e senza più quei fastidiosi file che non riuscivamo ad eliminare con la classica procedura dello svuota cestino.

Ecco fatto, tutto qua, semplice vero?

Beh, io ci sono impazzito qualche volta con questa storia del cestino e per questo ho scritto questo articolo, che esula un po’ dalla tematica di questo mio spazio ma se l’informazione tornerà utile a qualcuno tanto meglio. C’è sempre da imparare qualcosa, anche dagli sbagli degli altri.

Ciao e buona giornata!

Tags from the story
, ,
More from Giulio

Cari pannolini vi scrivo…

Pur essendo alla nostra seconda esperienza in famiglia, in fatto di pannolini,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...

No Trackbacks.