Indecisione di voto

referendum-costituzionale

Tra alcuni giorni, finalmente, andremo a votare per la riforma della nostra Costituzione. Tolti gli esaltati, di una fazione o dell’altra, quello che ho percepito maggiormente dalle persone di buon senso che mi circondano, sui social e dal “vero” è che ci sia veramente confusione e che la decisione che ci viene chiesto di prendere viene vista da tutti come una cosa “grossa”.

Quello che sembra mancare a tutti è un sano dialogo, una vera spiegazione, priva dei toni da stadio, sensazionalistici, dalle prese di posizione raccatta voti e inquinata da tutta la marea di merda da leggere che è stata prodotta da giornali, blog e social network.

Roba che per lo più è stata scritta per raccattare click, guadagnare in pubblicità e non realmente informare, titoli clickbait che servono solamente a spostarti da un luogo vuoto ad un altro.

Quello che mi sembra di capire è che tutti abbiamo veramente bisogno di chiarezza, che questo paese è arrivato veramente al punto di voler capire che cosa ci accade, che siamo tutti un po’ stanchi di essere governati da una classe politica senza spina dorsale, parlo di tutti gli schieramenti, governati da gente che andrebbe giustiziata per crimini contro il popolo italiano.

Mi rendo conto di aver usato un’espressione forte, giustiziare qualcuno, ucciderlo per essere sicuri che non nuoccia ancora alla società in cui vive. Ma il sapore che ci si trova in bocca tutte le volte che ci informiamo o veniamo informati, in maniera veritiera, penso a Report (ciao Milena! ), rimaniamo sempre stupiti di come questo paese sia endemicamente disonesto, come tutti abbiamo dentro al dna caratteristiche di sopruso, non rispetto delle regole, furberia da vendere e di come se posti in una posizione di comando o responsabilità, questi tratti si acuiscano fino a diventare intollerabili.

E’ per questo forse che cambiare la Costituzione sia diventato un caso di coscienza in cui tutti vorrebbero aver capito davvero quello che stanno facendo perchè toccare la nostra vita democratica, per cambiarla, in qualcosa di cui quasi nessuno ha davvero capito la profondità spaventa e lascia in balia di onde non belle, onde scure in cui la non comprensione della cosa fa pensare ad accentramenti di potere pericolosi per la vera vita democratica di questo paese.

La Costituzione è stata scritta da galantuomini, con idee diverse, ma provati tutti da un periodo storico in cui gli uomini per necessità , ideologia e stili di vita si sono trovati veramente a combattersi, ad uccidersi, a vedere morire persone molto migliori di te e di me, perchè è così, bisogna ammetterlo, la guerra non risparmia nessuno, a tutti toglie qualcosa, a quasi nessuno ha regalato qualcosa di buono.

E’ forse per questo motivo che la nostra Costituzione è vista come una cosa importante perchè è figlia di una madre che per partorirla ha ucciso i propri figli, ha dilaniato per anni i corpi e la mente di milioni di persone.

In questo mondo sta cambiando tutto in maniera sempre più veloce, tutto negli ultimi 30 anni si è rivoluzionato con l’avvento dei computer, siamo sempre di più su questo pianeta e siamo incredibilmente sbilanciati, ci sono ricchissimi(pochi) e poverissimi(moltissimi), le risorse di cui disponiamo sono sempre meno e cambiare i principi del nostro vivere civile sull’onda di sentimenti di repulsione per chi ci governa in questo momento o per le false informazioni che ci vengono fornite quotidianamente con interpretazioni più o meno veritiere di governi esteri o giornali/organi di propaganda, lascia il dubbio di non aver compreso realmente la portata di questa riforma che varrà per  i prossimi 50-70 anni e investirà quindi la vita dei nostri figli e dei nostri nipoti.

Forse la mia è solo un’impressione e tutti sanno quello che vogliono con precisione, io, da parte mia, mi sono sempre sentito in attrito con quelli che sanno sempre tutto ed hanno molto certezze, io mi sono trovato sempre meglio con chi ha molte domande e poche risposte, spero che anche questa volta gli italiani scelgano con coscienza e non lo dico con l’intenzione implicita di affermare che una direzione di voto sia meglio dell’altra.

 

Quello che mi piacerebbe davvero è che questi discorsi divenissero patrimonio di tutti e che, per una volta, le decisioni prese per il bene comune fossero prese davvero per il bene di tutti. Oltre le cortine dei partiti con in mente il benessere dei nostri figli.

 

Tags from the story
, , , ,
More from Giulio

Mammo? No, Grazie ! Solo Babbo.

Quando dico in giro che per un motivo o per un altro...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...

No Trackbacks.